Memorie


È incredibile come una foto possa ricondurti a ricordi di una vita che sembra ormai persa nel tempo, eppure ad una singola immagine è dato questo immenso potere.
C’è una particolare foto, scattata da un’amica, che fa riemergere in me le memorie di uno dei periodi più felici della mia vita. Io ho scattato molto, centinaia di immagini, ma nessuna delle mie foto conosce meglio di quel particolare scatto cosa provavo in quei momenti.
La cosa buffa è che lo scatto non ha ripreso quei momenti ma è una composizione di elementi che ripesca nella mia memoria quei giorni ed i ricordi si susseguono sullo sfondo del paesaggio. Un faccia a faccia, con un me stesso lontano, a volte persino duro da sostenere anche nei ricordi più belli: è il doppio tagliente della memoria.

— Giovanni Santostefano

Vi do la buona notte con una canzone particolare.

 

Questo ed altri contenuti li trovate sulla mia pagina facebook: Racconti di Fantasia

raccontifantaia

 

Annunci
Pubblicato in pensieri, riflessioni, varie | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Pretty Privacy Foglietto 0x01


machine-1776925_640Finalmente il secondo appuntamento con il foglietto informativo che tratta pillole di privacy e sicurezza durante la navigazione in rete.

Se non avete letto il foglietto 0x00, vi invito a scorrere i post di questo blog e scaricarlo.

Nel numero 0x01 si parlerà di come incrementare la privacy nelle proprie email e di dispositivi che possono violare la nostra vita privata.

Scaricatelo, stampatelo, distribuitelo e fatene ciò che volete nei termini della licenza Creative Commons con cui è rilasciato.

Buona lettura!

Scarica Pretty Privacy Foglietto 0x01

 

Pubblicato in GNU Linux, guide, informatica, software libero | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ottobre


Il vento si è placato ad una placida brezza e regna il silenzio sui valloni che scendono da Monte Pagano; silenzio a volte rotto dallo scampanare di mucche e dal latrato di cani lontani.
Non solo i colori, anche l’aria profuma d’autunno e un insistente starnazzare si leva da una macchia di vegetazione che cela un ruscello ad est della collina. E’ l’attimo conviviale del tramonto, poi sui boschi cala di nuovo la quiete dell’anima.
— Giovanni Santostefano

IMG_20171009_183801_da_small

 

Per questo e altri contenuti simili, venite a trovarmi sulla pagina facebook Racconti di Fantasia

raccontifantaia

Pubblicato in natura, passeggiate, pensieri, riflessioni, varie | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Pretty Privacy Foglietto 0x00


DDG-icon_256x256Salve,

Pretty privacy foglietto è una raccolta divulgativa per sensibilizzare l’utente di computer meno esperto al tema della privacy. PPF non vuole “insegnare tecniche” ma “dare input” che l’utente di computer può raccogliere ed approfondire attraverso materiale didattico più adeguato.

Continua a leggere

Pubblicato in ebook, editoria, GNU Linux, informatica, PRETTY PRIVACY FOGLIETTO, software libero, Uncategorized, windows | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

MASTER/slave – racconto scifi


Salve a tutti, volevo segnalare il mio nuovo racconto di fantascienza (della collana Lettere dal Cyberspazio), disponibile in formato ebook per #amazon #kindle a 0.99euro. Di seguito il link per acquistarlo e la sinossi:

SCARICA IL RACCONTO

Sinossi

Il Delta Tide è un computer quantistico in grado di simulare infiniti universi in infinite linee temporali. Grazie a questo computer è possibile simulare ed indirizzare il futuro ma un giorno Spector, il suo programmatore capo, sparisce nel nulla e di lui non v’è traccia in nessuna delle simulazioni del DT nel passato, nel presente e nel futuro. Questo singolo evento rischierà di invalidare ogni predizione del supercomputer, a meno che il dottor Krave non riuscirà a ritrovare il mitico programmatore da cui tutto ha avuto inizio. 

Pubblicato in amazon, ebook, editoria, kdp, kindle, libri, news, pubblicazione, racconti, racconto | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Vault7, la CIA e il controllo


Il 7 di marzo, WikiLeaks ha rilasciato centinaia di documenti che sarebbero stati attribuiti alla CIA, facenti parte della documentazione di tecniche e strumenti di spionaggio elettronico e cyberguerra, raggruppati ed identificati con il nome di Vault7.

Da queste importanti rivelazioni, tuttavia, dobbiamo estrarre le giuste informazioni per non ricadere nel solito clamore allarmistico e, per quel che ci è possibile, anche tentare di tutelarci.

Che la CIA spii infatti non dovrebbe scandalizzare nessuno e neppure il fatto che utilizzi un qualsiasi dispositivo connesso ad internet, come una smartTV (che è un grande tablet connesso alla fin fine) o attraverso qualsiasi altro device IoT.

Continua a leggere

Pubblicato in android, apple, elettronica, GNU Linux, Google, informatica, news, software libero, windows | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Il volo del nibbio


Vi è mai capitato di vedere un nibbio in volo?  La coda biforcuta come un rondone che si staglia in controluce, l’eleganza della planata, le ampie spirali che disegna nell’aria sino ad accentrarsi sulla preda in una picchiata fulminea. Uno spettacolo della natura che si mostra il tempo di uno sguardo fugace e già si è allontanato sopra qualche altra valle vicina.

Vado spesso sulle alture a sud del bosco che da molto tempo proprio dal nibbio deve il nome. Ci vado nei giorni in cui il vento soffia impetuoso ed è proprio in quei momenti, quando le nuvole si addensano e corrono infaticabili da una parte all’altra, che con un po’ di fortuna ti capita di vedere il nibbio lì: fermo a mezz’aria con le ali spiegate e lo sguardo controvento. Si chiama volgarmente “lo spirito santo” e qualche volta ho visto farlo anche ai piccoli gheppi. Il nibbio però lo fa quando il vento fischia rabbioso, magari perché è più grosso del gheppio, fatto sta che lo riesci ad ammirare immobile o quasi nell’aria e resta così anche a lungo, finché i suoi occhi non scorgono qualcosa di interessante.

Ora sono qua che scrivo ed ancora mi chiedo: come mai oggi non è scappato?  All’inizio quasi non mi ero accorto della sua presenza (e pensare che ero andato in altura apposta col binocolo 🙂 ), poi ho alzato lo sguardo ed eccolo in volo stazionario a neanche trenta metri da me. Ho messo via il binocolo: non serviva e lui continuava a planare, poi di tanto in tanto si lasciava andare e sembrava cadere avvitandosi come un aereo per riprendere la corrente dieci metri più in basso e risalire con nuova spinta.

Montagne, boschi, colline, un nibbio e quella sensazione di lasciarsi andare nel vento un po’ come lui. Poi mi è venuto da sorridere perché con tutto il tempo che è rimasto a planare e poi volteggiare vicino a me, una foto avrei potuto pure scattargliela ma in quel momento semplicemente non ne avevo sentito bisogno alcuno. Niente immagini, niente schermi, niente pixel ma un ricordo vivido e la voglia di tornare li su, quando si alzerà di nuovo il vento.    

Pubblicato in natura, passeggiate, pensieri, riflessioni, varie | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento