Emergenza Parchi


In questi giorni si parlava su Avventurosamente circa il taglio che il governo ha intenzione di effettuare sui fondi destinati ai Parchi Italiani.

Cito quanto segnalato dal sito del WWF

Oggi lo Stato spende per i Parchi Nazionali l’esatto equivalente di un caffè all’anno per ciascun italiano, ma nonostante tutto la Finanziaria colpirà, e duramente, anche le aree protette. Per parchi nazionali e riserve statali è previsto infatti  un taglio del 50% degli stanziamenti per il 2011. Un grave colpo anche alla Strategia Nazionale per la Biodiversità.

Potete continuare a leggere l’articolo originale per capire come questo provvedimento sia insensato perché totalmente sbilanciato tra il guadagno che si otterrebbe ed il prezzo da pagare in termini naturalistici. A fronte, infatti, di un guadagno di pochi milioni di euro (vanno valutati nell’ottica che la manovra economica sono 25 miliardi) si metterebbe a rischio la sopravvivenza di ettari ed ettari di natura incontaminata che l’uomo ha deciso di proteggere da se stesso e dal suo uso indiscriminato del territorio.

Anche perché secondo voi a cosa servono i parchi? I parchi sono aree di grande valore naturalistico per territorio, flora e fauna e gli enti parco (le cui gambe stanno per essere mozzate) non sono altro che una serie di regole e applicazioni delle stesse atte a tutelare le zone dalla sceleratezza e a salvaguardarne la biodiversità.

Potete immaginare, quindi, che senza un ente che svolga il suo lavoro di controllo e salvaguardia, dei parchi allo sbando non riuscirebbero a sopravvivere all’uomo stesso.

Oggi avevo voglia di fare qualche fotografia e triste per questa notizia ho deciso di fare qualche scatto nel Parco Nazionale  D’Abruzzo, Lazio e Molise. Ho scelto di fare una guidata verso Barrea con il suo pacifico lago che, anche essendo opera dell’uomo, ora è un’oasi di biodiversità tra le più importanti nella mia regione.

Se non avete mai provato la pace di questi luoghi, probabilmente dovrete cogliere qualsiasi occasione per visitarli perché ne vale davvero la pena. Per ora potete guardare qualche foto scattata oggi e diffondere la triste notizia di quel che stà accadendo contro queste oasi di pace affinché resti soltanto un ennesimo polverone.

Sarà così ancora a lungo?

Lago di Barrea

Alle porte del Parco

Alle porte del Parco

Lago di Barrea

Lago di Barrea

Questa voce è stata pubblicata in fotografia, passeggiate e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...