Al calar della notte…


il paesaggio cambia le proprie vesti e s’illumina di nuove luci e colori.

Fotografare il mondo di notte, sotto un certo aspetto, garantisce più risultati poiché le foto sono diverse dal solito ed è più facile che attirino l’attenzione.

Tuttavia per avere una foto come la si ha in mente è necessario uno studio profondo della luce. A dispetto del buio, infatti, lo studio della luce nelle foto notturne è una componente fondamentale tanto quanto lo è per qualsiasi fotografia.

I due grandi blocchi in cui divido una fotografia notturna sono:

  • Fotografie incentrate sul cielo
  • Fotografie incentrate sulla terra

in mezzo ci sono moltissime sfumature ma deve essere chiaro che se si vuole fotografare la terra (diciamo 2/3 terra e 1/3 cielo) si dovrà attendere una notte di luna piena ad illuminare il paesaggio. La luna piena illuminerà quasi a giorno, anche se leggermente velata e sarà un’amica che ci regalerà buone foto e ci terrà anche compagnia.😀

Fotografare il cielo richiede d’altra parte esigenze opposte e più raffinate. Dare priorità al cielo notturno vuol dire cercare le stelle (a meno che non volete fotografare la luna che è un discorso ancora differente). Ora le stelle sono complicate perché vengono pesantemente velate dall’inquinamento luminoso e per essere catturate bene si deve ricorrere necessariamente a sensibilità iso più alte possibile (che non degradino eccessivamente la qualità dell’immagine con il rumore).

Se da un lato, anche con una reflex come la mia 1000D si possono ottenere discreti risultati a 1600iso, dall’altro cercare un luogo a riparo dall’inquinamento luminoso ci costringe a spingerci lontani dalla periferia e, come potete vedere nella foto che ho scattato, non si è mai abbastanza lontani.😦 Comunque un colle o una montagna che copra i paesi è sempre una cosa buona.

L’altra fonte d’inquinamento luminoso che dobbiamo evitare come la peste per fotografare le stelle è… la luna! La luna è molto luminosa ed illumina bene la terra ma la sua luce copre le stelle. Quindi per catturare un maggior numero di stelle bisogna prendere il calendario e cominciare a studiare quando la luna è calante o la luna è nuova (e con la scusa seminare anche insalata e pomodori😀 ).

Con la luna nuova ci sarà buio completo, la terra sarà scura e priva di dettagli (a meno di lunghissime esposizioni) tanto che la piazzeremo ai margini del fotogramma ma avrete un cielo stellato come mai lo avete visto.

Una sensibilità oltre i 1600iso, con queste condizioni aiuta a catturare più stelle possibili nel minor tempo. Questo particolare è importante, poiché con iso bassi si deve prolungare il tempo di esposizione per catturare la stessa quantità di luce, con l’effetto collaterale di avere le stelle allungate e non più puntiformi per effetto della rotazione terrestre (a meno che non siete intenzionati a creare uno startrail). Se, come nel caso della mia 1000D, non si può andare a sensibilità di 3200 o 6400iso (o anche più) allora conviene usare l’obiettivo più grandangolare che potete (ho usato il Samyang 14mm).

Una focale grandangolare, infatti, permette di avere stelle abbastanza puntiformi anche dopo 30sec di esposizione.

Ovviamente per catturare delle buone stelle dovete scegliere la giusta locazione e la giusta direzione. Orientate il panorama a est, sud-est! È importante, poiché scattando ad ovest potreste catturare la luce del sole che è tramontato! ma che il sensore potrebbe continuare a registrare.

Abbiam finito? Veramente no,😀 manca l’ultimo punto. Il meteo. Se, come nella foto sopra, si vuole riprendere la via lattea (ma molto più marcata) dovrete attendere una giornata totalmente priva di foschia e considerare le più ottimali condizioni sopra descritte.

L’inquinamento luminoso nella foto di ieri sera l’ha velata proprio nella parte più densa di corpi celesti ma alla fin fine lo scatto è particolare.😀

Alla prossima!

Questa voce è stata pubblicata in fotografia, passeggiate e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Al calar della notte…

  1. hortus ha detto:

    Bella foto Giovanni con la via Lattea, e grazie per i consigli.
    Di fotografare le stelle, abitando in città, non ci ho mai pensato – ho fotografato la luna, accorgendomi che in effetti ha una luce pazzesca, fortissima. Molti anni fa, senza reflex, sono stato a Livigno. Li sì avrei voluto fotografarle le stelle luminose e tantissime. Comunque ancora grazie dei consigli. Guardando la tua foto mi è proprio venuta voglia di fotografarle le stelle!😉
    A presto,
    Davide

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...