Mochi che non è mochi ma è niente male


OLYMPUS DIGITAL CAMERAI dango mettono allegria, su questo non si discute.😀
Rimbalzando quà e là ho appreso vagamente cosa è il mochi ed essendo un dolce principalmente a base di riso è ovvio che la cosa mi ha incuriosito più del normale e mi sono sentito in dovere di sperimentarci sopra. xD

Quello che ho fatto finta di capire, leggendo qualcosa, è che il mochi è una pasta tendente al gelatinoso fatta essenzialmente con il riso. Però ci vuole il riso glutinoso… o semmai la farina di riso glutinoso… e poi altri ingredienti… e poi c’è chi aggiunge questo e chi aggiunge quello… e poi… basta! Tanto io non l’ho mai mangiato il mochi, quindi faccio come posso un dolcetto di pasta di riso qualsiasi, se esce buono esce buono!😀

Quindi ho ridotto la lista a:
– Riso qualsiasi😀
– Zucchero
– Fecola di patate/Amido di mais
– Prugne secche per farli ripieni (ma potevo metter marmellata o miele o altro)

Ho messo a bagno il riso in un barattolo per una quindicina di ore e più, cambiando l’acqua di tanto in tanto affinché l’acqua non resti piuttosto limpida e il riso lucido.
Poi ho cotto il riso in un pentolino con acqua e un po’ di zucchero… per qualche minuto, finché il riso non si era ben cotto e l’acqua ritirata. Mi era venuto in mente che un riso non troppo scotto avrebbe favorito un impasto più gommoso… forse ci ho azzeccato.

Una volta cotto il riso, l’ho messo nel mortaio di marmo (che avevo scaldato precedentemente mettendolo sotto l’acqua calda) ed ho cominciato a pestare il riso. Questa parte mi ha rivelato quanto un composto può essere “appiccicoso”… pestarlo con un mortaio piccolo è stata una mezza tragedia.😀 In ogni caso dovete pestarlo molto a lungo, forse ci sono stato una mezz’oretta per ottenere i due dango che vedete sotto.

Tuttavia alla fine ho ottenuto una pasta ben liscia e gommosa, più simile alla pasta di mandorle come consistenza che magari a quella gelatinosa del mochi. A quel punto l’ho impastata aggiungendo della fecola di patate, quanto bastava per ridurne “l’appiccicosità”😀 e successivamente ne ho fatto delle palline ripiene con le prugne secche (che ho disgraziatamente dimenticato di reidratare).

Il risultato è stato quello che non ho ancora idea di come sia il mochi ma quella roba che ho impastato non è male. xD

OLYMPUS DIGITAL CAMERAHo però pensato che sarebbero stati molto più buoni se, mentre impastavo con la fecola, avessi aggiunto un goccio di succo di amarena o orzata o succo di mirtillo per dare un sapore più corposo e magari anche un po’ di colore in più.

Sulla lavorazione poi ne ho viste tante (cottura al vapore ecc)… ma penso che ciò riguardi i mochi originali che ripeto non ho idea di come siano. xD

Questa voce è stata pubblicata in cucina, dolci e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...