Il Diavolo dell’Arazzecca e altri racconti


Scarica l'ebook

Scarica l’ebook

Ho aggregato in un unico ebook/libro cartaceo i  racconti che narrano le avventure e le sfide dei tre protagonisti: Il prof. Bellamico, ‘ru Scurdat e Rufo,  nella Castel di Sangro del primo Novecento.

Ciascun racconto saprà trasportarvi nella semplice vita di montagna, attraverso i temi della superstizione, del destino e della miseria, e della Natura: madre che cela segreti ed apre le coscienze.

È possibile scaricare la raccolta in formato elettronico da Amazon (gratuita per Kindle Unlimited e ricca di fotografie dei paesaggi in cui sono ambientati i racconti) e in formato cartaceo da Blurb.


Acquista ebookAcquista cartaceo


I racconti sono disponibili in ebook anche separatamente. Di seguito le sinossi dei tre racconti.

Buona lettura e miraccomando lasciate una recensione su Amazon. 🙂

Sinossi

Il Diavolo dell’Arazzecca è una raccolta di tre racconti ambientati a Castel di Sangro, nell’Abruzzo montano della prima metà del Novecento: un tempo non troppo lontano in cui la vita semplice e genuina si univa e si scontrava con i miti e le leggende che permeavano dai più reconditi angoli della montagna.

Il libro contiene fotografie paesaggistiche (recenti) dei luoghi in cui sono ambientati i racconti.
Di seguito, le sinossi dei racconti.

— Il Diavolo dell’Arazzecca
La locomotiva percorreva, come ogni mattina, il versante brullo di Spino Rotondo, diretta a Roccaraso.
Quel giorno però, alla stazione di Castel di Sangro, scese il professor Bellamico: forestiero, ricco e con l’apparente missione di studiare la montagna ma il suo arrivo risveglierà leggende che si credevano perdute e superstizioni mai del tutto sopite.
Un viaggio nella natura d’Abruzzo, tra peccati, paure e virtù, all’ombra dell’Arazzecca e della sua leggenda.

— La fuga de ru Scurdat
La Seconda Guerra Mondiale e finita da poco e, tra le macerie della piccola cittadina di Castel di Sangro, Peppe detto ru scurdat si ingegna per combinarne un’altra delle sue.
Il destino però è beffardo e, quella notte, chiederà a Peppe il conto per tutte le sue malefatte.

— Rufo e la fario
Un giorno di primavera, giocando sulle rive del Sangro, Rufo scorge una enorme trota fario nuotare contro corrente. Quell’avvistamento cambierà la vita del ragazzino che darà anima e corpo per apprendere l’arte della pesca col solo obiettivo di insidiare la grande trota.
Una storia di avventura ed amicizia tra un ragazzo ed un vecchio pescatore, uno spaccato della vita dell’Abruzzo del primo novecento che scorre come il lento fluire del lungo fiume, alla ricerca del significato ultimo dell’arte della pesca.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in amazon, ebook, fantasy, kindle, libri e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...