Mamma cervo protegge il cucciolo dal lupo “cattivo”


Fotografia di Pietro Santucci - tutti i diritti sono riservati

Fotografia di Pietro Santucci – tutti i diritti sono riservati

È virale, in questi giorni, il video girato da Pietro Santucci e pubblicato in anteprima su Paesaggi d’Abruzzo che documenta il contrattacco, di una femmina di cervo, contro un lupo intento a predare un cerbiatto.

Il video, che trovate linkato in fondo a questo articolo, è rimbalzato dai social alle testate nazionali, tra cui l’autorevolissimo National Geographic che vi ha dedicato un articolo VAI ALL’ARTICOLO SU NATGEO.

L’articolo di NatGeo è bello ma c’è un punto che io considero inappropriato per una testata che si occupa di Natura e Fotografia (con le opportune maiuscole)…

Scarica l'ebook

Scarica l’ebook

Fondamentalmente NatGeo da cui mi aspetto una divulgazione tale da avvicinare il più possibile le persone alla natura reale, è ricaduto nel vortice dello zucchero Disney.

Nell’articolo, infatti, oltre ad approfondire il comportamento degli animali coinvolti, ci sono un paio di interventi nettamente a favore della cerva e del cerbiatto, a scapito dei loro predatori. Perché? Sono più belli, col musetto vispo e pertanto meritano di vivere più del lupo?

Faccio copia/incolla delle parti che avrei preferito fossero trattate più oggettivamente nell’articolo (insomma, teniamo conto che non è una rivista di gossip)

[Un lieto fine per una storia straordinaria, ordinaria amministrazione per un parco naturale come quello d’Abruzzo che può vantare una ricchezza faunistica unica a livello nazionale.]

Ed ancora prima, dalla dichiarazione dello stesso Santucci (che comunque stimo per il suo lavoro e che sono sicuro conosca la natura molto meglio di me)

[proprio il giorno prima un orso si era avvicinato a un cucciolo di cervo, nell’area dov’è stato girato questo filmato. Anche in questo caso, la cerva non ha esitato a mettersi tra il predatore e il cucciolo, con un finale decisamente positivo dato che l’orso ha poi desistito”.]

Secondo me sarebbe molto importante insegnare a rispettare la Natura per quello che è, con le sue leggi e che il finale decisamente positivo o lieto che sia non può sempre essere il cervo che fugge… perché prima o poi il lupo morirebbe di fame. Non sarebbe stato meglio puntualizzare: Un lieto fine per mamma cervo e il suo piccolo ed una sventurata caccia per il lupo? Non sarebbe stato meglio astrarre per una volta il concetto di bene e male dove il male è puntualmente il predatore?

Scarica l'ebook

L’evento è importante perché è stato documentato un comportamento appunto poco documentato, non perché è una storia a lieto fine solo perché il lupo ha preso due calci in faccia ed è rimasto a digiuno.

Se e quando vi troverete ad osservare l’inseguimento tra un lupo ed un cerbiatto, non potrete tifare “forza cerbiatto” o “forza lupo” perché uno dei due, alla fine, potrebbe non vedere una nuova alba ed entrambi hanno il diritto di vivere, non colui che ha il musetto disegnato meglio. Il video che potete vedere quì in basso non raffigura un gioco ma la vera lotta per la sopravvivenza… anche il lupo stava cercando di sopravvivere, esattamente come il cerbiatto, non dimenticatelo.

VAI AL VIDEO

Scarica l'ebook

Scarica l’ebook

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in fotografia, natura, pensieri e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...